Report AbitoReport_Vestito2013.html

Tinture NaturaliTintureNaturaliVR2016.html




Report Tin.NaturaliReport_TinNat_14.html

Libro d’ArtistaLibroNomade2014.html




Homehome.html




MissionMission_it.html




ContattoContatto.html




Copyrightcopyright_it.html

EsposizioniEsposizioni.html

Feltrografia Week
report IndigoReport_Indigo_2015.html
Art Yarn
Filatura a manoFilaturaArtYarn2016.html
Natural Dyeing WeekTintureNaturali_15.html

Feltro NunofeltroLeSolideBasi17.html

Pattern GiapponesePatternGiapponese2016.html
Indigo e GuadoIndigo2017.html

ProgrammaProgramma_2016_1.html

ProgrammaProgramma2017.html

Pattern GiapponesePatternGiapponese2017.html
 

La curiosità mi porta alcune volte ad inoltrarmi in sentieri irti e scoscesi. Accetto la sfida e alzo l’asticella che mi obbliga a scoprire altri orizzonti. Il sentiero delle tinture naturali lo conosco  da tempo e sin dalla tenera età sono innamorata del tratto calligrafico.


Sei anni fa avevo già cominciato ad inoltrarmi in questo bisogno/progetto che avevo chiamato  <Feltrografia> attraverso tecniche che  conoscevo; troppo lunghi i processi di esecuzione e poco istintivi i gesti calligrafici. Ho sospeso e con fiducia ho atteso il  giusto tempo. Non avevo bisogno di farlo e basta ma di arrivarci con il piacere di farlo proprio come  era nelle mie corde cromatiche: Il colore deve vibrare ed esprimere livelli di profondità. I colori acrilici per stoffa non mi davano queste vibrazioni. Le tinture naturali invece mi portano su un livello di percezione visiva armonica e vibrante.


Piano piano il tempo giusto è cominciato con la ricerca sui tini di indaco: tingono quasi a freddo, il colore è straodinariamente vicino al colore dell’inchiostro del calamaio che usavo alle scuole elementari, permettono la narrazione della luce e del buio...


Molte sono state le notti insonni testimoni del mio arco teso alla ricerca del processo tintorio capace di esprimere in modo simultaneo i miei tre bisogni: colore naturale, profondità, tratto calligrafico spontaneo e design definite da campiture di colore naturale.


Come arginare però il colore acquoso delle tinture naturali su tessuti?

Come creare campiture di colore definite da una immersione in un decotto di estratti vegetali?

Anche questo è stato superato avvalendomi del supporto di sostanze naturali di uso comune.


Ora sono soddisfatta e pronta a trasmetterlo a chi si identificasse nei miei stessi bisogni in questi sei giorni di laboratorio sperimentale ed espressivo.

Il seminario ha come obiettivo di fare un progetto grafico personale contestualizzato ad un tessuto e/o abito o elemento di interior design su tessuti di origine animal e/o vegetale.

Il numero di partecipanti sarà limitato a massimo 8 persone.


Felt_graphie Week


Natural Felt Graphie



20 > 25 maggio 2016

Brentonico Tn


Agostina Zwilling




Iscrizione  entro   30  marzo



richiedi programma

italian felt academy